La Corte suprema degli Stati Uniti giudica incostituzionale la legge sull’alcol del Tennessee

Elisabetta ROMEO-VAREILLE -

La Corte suprema, in una decisione del 27 giugno 2019, ha decretato l’incostituzionalità dell’esigenza, prevista dalla legislazione dello Stato del Tennessee, di residenza di due anni per poter vendere al dettaglio vino, birra o liquori.

La Corte suprema, in una decisione del 27 giugno 2019, ha decretato l’incostituzionalità dell’esigenza, prevista dalla legislazione dello Stato del Tennessee, di residenza di due anni per poter vendere al dettaglio vino, birra o liquori. Secondo la Corte suprema, questa disposizione e le disposizioni identiche previste da altri Stati, introducono una discriminazione contraria alla Costituzione a scapito dei non residenti. Questa decisione potrebbe aprire la via al commercio di vino on line.

 

Fonte: FIVS